La probabile storia delle praline

By Daniela

In realtà nessuno ha la certezza del perché le praline si chiamano “praline”.

Si racconta però, che una sera di tanti tanti anni fa, un cuoco di nome Clément Jaluzot, mentre si accingeva a preparare la cena per il suo padrone, il duca de Plessis-Praslin, fece cadere per errore lo zucchero fuso in un composto di mandorle tritate (peraltro c’è chi dice anche che lo fece apposta).  Siccome allora non si gettava nulla, l’ingegnoso cuoco ricoprì quelle preparazioni di cioccolato fuso e le servì come dessert al suo duca.

Pare che il duca ne fosse talmente entusiasta da volerle servire in tutte le sue feste.

Durante una cena di quelle molto importanti – per intenderci quelle  in cui un duca può anche giocarsi la carriera per sempre – gli venne chiesto il nome di quelle squisitezze.

Senza imbarazzo alcuno per la bugia che stava dicendo, il duca di Praslin rispose: “l’inventore sono io e dunque si chiamano come me, praline.”

Alla fine di una lunga e onorata carriera il fedele cuoco Clément si ritirò nel suo paese, Montargis in Francia, dove aprì una pasticceria che è sopravvissuta fino ai nostri giorni.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Speak Your Mind

*