La cuddhura (chiamata anche pupu cu l’ovo)

By Daniela

La cuddhura è un dolce siciliano che si prepara nel periodo pasquale. Il nome viene dal greco coulloura che indicava particolari focacce che  anticamente venivano offerte agli dei per ingraziarseli.

Tradizionalmente si prepara a forma di panierino, di colomba o di cuore, sempre con l’uovo sodo con tutto il guscio, incastonato nel biscotto.

Quest’anno però, ispirandomi all’antica Grecia ho preparato la cuddhura a forma di testa di Medusa.

I miei figli più grandi,  che prendono gusto a chiamare “Medusa” la sorellina, quando non si pettina i capelli, si sono divertiti da morire.

E la mia piccolina prima si è sentita vagamente offesa: “questo biscotto non sono io che non mi pettino, vero mamma?”

Poi però ci ha preso gusto, nel senso che si è portata la sua medusa come merenda a scuola e se l’è mangiata proprio tutta, non disdegnando nemmeno l’uovo sodo.

Una precisazione: vincendo la mia naturale riluttanza ho utilizzato lo strutto nell’impasto, come faceva sempre mia nonna. Lei giurava e spergiurava che lo strutto permette di mantenere i biscotti più morbidi  e più a lungo. La mia nonna aveva proprio ragione. Comunque se l’idea di usare lo strutto vi sconvolge,  potete sempre usare il burro, come ho fatto io finora.

La cuddhura

Ingredienti per 4 meduse:

  • 500 gr di farina
  • 150 gr zucchero
  • 1 pizzico di sale
  • 2 uova
  • 120 gr strutto
  • la scorza di un limone non trattato grattugiata
  • 4 uova sode
  • 1 uovo sbattuto

Riscaldate il forno a 180°.

Impastate farina, zucchero, sale, uova, buccia di limone e strutto. Dovrete ottenere un impasto morbido ed elastico.

Dividete l’impasto in 2 parti, la prima un po’ più grande dell’altra.

Con la parte più grande formate una palla e appiattitela. Spennellatela con l’uovo sbattuto , ponetevi sopra l’uovo sodo e poi fissatelo con un cordoncino di pasta.

Con l’altra pasta formate tanti cordoncini (i serpenti) e applicate i capelli alla vostra medusa. Spennellate con l’uovo sbattuto.

Mettete in forno già caldo a 180° gradi e cuocete per circa 25 minuti.

Una volta fredda, disegnate occhi e bocca della medusa.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Speak Your Mind

*