Pescione finto-vero per un picnic in riva al mare

By Daniela

“Mamma io da grande voglio fare la cuoca e oggi voglio preparare qualcosa per il nostro picnic al mare e la ricetta la invento io! Voglio fare un pescione!” ha esordito mia figlia una mattina.

Poi ha invitato una sua amichetta, specificando che doveva portarsi il grembiulino, mi ha graziosamente fornito di lista della spesa  con gli ingredienti da procurarle per il pomeriggio ed ecco quello che ne è venuto fuori. Io mi sono limitata a fare il reportage fotografico e infornare.

Questi sono gli ingredienti che mi ha scritto lei; le quantità le ho calcolate io.

Ingredienti per 2 grandi pescioni:

  • 800 g di pasta per pane
  • 600 g filetto di salmone cotto
  • 400 g spinaci cotti al vapore
  • 4 cucchiai di formaggio tipo Philadelphia

La mattina si è data un gran daffare per cercare il pesce su google image. Poi ne ha trovato uno che la soddisfaceva,  lo ha ricopiato su un foglio di carta A4, e lo ha fotocopiato per la sua amichetta.

Insieme hanno ritagliato 4 pescioni.

Poi hanno steso la pasta per pane e hanno ritagliato la sagoma del pesce.

Hanno messo per prima cosa uno strato di spinaci, poi 2 cucchiai di philadelphia e infine il salmone.

Hanno coperto il tutto con i  pesci di pasta di pane.

“Questa è la parte che mi piace di più: fare come fa Biancaneve con gli uccellini.” Ha detto a un certo punto mia figlia.

Io ho guardato perplessa, ma l’amichetta ha subito capito.

“Ah, sì, per chiudere i bordi. E’ vero! Però noi dobbiamo farlo con la forchettina! “

Poi sono stata brevemente chiamata in causa per cuocere i pescioni in forno. Circa 20 minuti a 200°, ma dipende tantissimo dal vostro tipo di forno.

Mentre i pescioni raffreddavano, le due cuoche sono andate un po’ a giocare per conto loro per poi ritornare in cucina armate di grembiuli e agguerrite più che mai, per la parte più attesa: la decorazione con i pennarelli alimentari.

“Ma sei sicura che possiamo colorare con questi? Sono pennarelli indelebili!” Ha chiesto preoccupata l’amichetta.

“Certo che lo possiamo fare! Questi colori si mangiano!”

“No, no bambine, non metteteli in bocca però!”  mi sono affrettata a intervenire io.

E questo è il risultato finale,  che però non è arrivato al picnic, ma è finito la sera stessa nella pancia dei fratelli!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Comments

  1. ma complimenti a te e alla piccola cuoca!!!!!!!!!

  2. Un ‘oera d’arte talmente bella che (quasi) spiace mangiarla. Incantata :)

  3. Ciao cara, sono lieta di comunicarti che sei tra i vincitori del contest “A prova di bimbo!”. Aspetto una tua mail con l’indirizzo per inviarti il regalino 😉

    Buona giornata

  4. Daniela says:

    @ Letiziando

    Che bellissima notizia!! Quando ho visto il tuo commento non ci volevo credere! Grazie!! :)

Speak Your Mind

*