Pizza Margherita: ricetta e storia per i bambini

By Carlotta

Un classico della mia famiglia e delle mie origini. La pizza margherita non manca mai nel menù della settimana. Ecco come la preparo…un piccolo segreto (sempre del mago-zio Mai)  nel procedimento…indovinate voi…??

Ingredienti:

  • 375 g di farina,
  • ½ c. di sale
  • 20 g lievito di birra fresco
  • 2 C. di zucchero
  • 2 C. Olio extra vergine di oliva
  • 250 ml acqua appena tiepida
  • 1 scatola di pomodori pelati
  • 200 g mozzarella di bufala
  • basilico fresco

Preparazione: far sciogliere il lievito con lo zucchero, poi aggiungere l’acqua tiepida. Preparare la vostra pasta mescolando la farina, lievito e sale. Aggiungere l’olio e cominciare ad impastare. Se la pasta è troppo secca aggiungere un po’ d’acqua: l’impasto deve diventare morbido ed elastico. Mettere l’impasto in ciotola unta d’olio, coprire con un panno umido e lasciare lievitare in un ambiente tiepido al riparo da correnti d’aria, fino a quando sarà raddoppiato di volume.

Stendere la pasta su un piano di lavoro infarinato e darle la forma desiderata. Mia figlia ha preso la sua formina  di faccina di orsetto e così ha ottenuto una pizzetta con tanto di orecchie!

Ungere una teglia a bordi bassi, stendere la pizza, guarnire con la salsa preparata con i pomodori pelati, il sale e l’olio. Fare riposare e quindi rilievitare la pizza ancora per una decina di minuti e poi infornare a 250° per circa 15 minuti. Guarnire la pizza con la mozzarella tagliata a dadini e infornare fino a che la mozzarella sia sciolta. Togliete dal forno e guarnite con il basilico fresco. Avete indovinato il mio “segreto”…?

La storia della pizza Margherita

Se è vero che la pizza è un piatto di origine antichissima – conosciuta, sebbene con ingredienti diversi, anche dagli etruschi- la pizza Margherita è una creazione abbastanza moderna. La sua nascita risale alla visita a Napoli della regina Margherita di Savoia,  nel 1889. Il pizzaiolo Raffaele Esposito, chiamato a corte per l’occasione, fece una pizza con i colori della bandiera italiana: rosso, con la salsa di pomodoro, bianco con la mozzarella, e verde con il basilico. Quando la regina estasiata chiese come si chiamava questa nuova pizza, il pizzaiolo sorpreso dalla domanda rispose astutamente: …”come voi vostra Altezza, Margherita !!”

Ma avete mai sentito parlare della pizza a 8?

Era una pizza che si mangiava oggi e si pagava dopo otto giorni…E la pizza a libretto? Era una pizza che si mangiava con le mani  (e si fa tutt’ora) perché veniva piegata come un libretto! Se visitate Napoli, andate a Port’Alba e gusterete la pizza a libretto.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Trackbacks

  1. […] in qualunque modo, in qualunque salsa e in qualunque stagione… la pizza funziona sempre. Su TLKW (abbrevio) c’è la pizza margherita per i bambini, e pure la storia della […]

Speak Your Mind

*