I Lussekatter di Santa Lucia

By Daniela

Questa è la ricetta tradizionale, dal libro Sju sorters Kakor,  per fare i Lussekatter, brioscine profumate allo zafferano che si mangiano in Svezia per tutto il periodo natalizio, ma soprattutto il 13 dicembre, giorno di Santa Lucia. A proposito, Lussekatter significa gatti di Santa Lucia, ma nessuno sa perché si chiamano così. Quel giorno è tradizione che bambini e bambine, vestiti di bianco e con una candela in mano, intonino le note di Sankta Lucia (napoletanissima, ma in versione svedese) e offrano a tutti i profumatissimi Lussekatter, appena sfornati. I cortei di Santa Lucia sono dappertutto, per prima cosa la mattina in famiglia, ma poi anche a scuola, negli uffici , nelle fabbriche, ecc…

Ingredienti per circa 40 brioscine

  • 50 g di burro
  • 5 dl di latte
  • 1 bustina di lievito di birra in polvere o 50 g di lievito di birra fresco
  • 750 g farina
  • 1 cucchiaino di sale
  • 2 cucchiaini di zucchero
  • 1 grammo di zafferano
  • 1 cucchiaino di cognac
  • 125 g di burro ammorbidito
  • 170 g di zucchero
  • 1 uovo;

per dorare e decorare:

  • 1 uovo leggermente sbattuto
  • uvetta

Preparazione dei Lussekatter

Fate sciogliere il burro in un pentolino e poi aggiungete il latte e portate alla temperatura di 37° o 45° se usate il lievito di birra liofilizzato.

Io vi confesso che ho fatto a occhio, anzi “a mignolo” e sono venuti comunque perfetti.

Mettete il lievito in una grande ciotola e aggiungete a poco a poco il miscuglio di latte e burro  e poi il sale, lo zucchero e la maggior parte della farina. Impastate (io ho usato la planetaria) fino a quando la pasta  non si stacca dai bordi della ciotola.

Adesso coprite con uno strofinaccio umido e lasciate a lievitare fino a quando l’impasto non sarà raddoppiato di volume (circa 1 ora).  Sciogliete lo zafferano con il cognac in una ciotolina. Lavorate a crema il burro e lo zucchero e poi aggiungete lo zafferano e l’uovo. Aggiungete l’impasto lievitato e il resto della farina, mettendone da parte un po’ per dopo. Lavorate bene fino ad amalgamare il tutto. Se l’impasto dovesse risultare appiccicoso aggiungete un po’ di farina.

Ora  potete sbizzarrirvi a formare i classici Lussekater, quelli a forma di S, oppure brioscine di vari tipi, secondo la tradizione svedese, come ad esempio ha fatto la mia piccola cuochetta.

Fate attenzione a spingere bene l’uvetta nella pasta, così non sarà persa nella lievitazione e cotture delle brioscine

Disponete le vostre brioscine su una teglia facendo attenzione a distanziarle per bene e lasciatele lievitare fino a quando saranno raddoppiate di volume, poi spennellatele con l’uovo sbattuto e cuocete per circa 10 minuti in forno già caldo a 200°.

Parliamo del signor Zafferano

Il signor Zafferano è una spezia conosciuta da tempi antichissimi.

Cari cuochini e cuochine,  non riuscirete neanche a immaginarvi quello che erano capaci di fare i nostri antenati con lo zafferano, oltre, naturalmente,  a utilizzarlo per i loro piatti: c’era chi vi cospargeva i pavimenti dei templi, come le donne troiane, chi profumava i cuscini, chi tingeva i veli delle spose.

Insomma era una spezia tuttofare che, potendoselo permettere (ricordiamo sempre che le spezie nell’antichità erano carissime), conveniva tenere sempre a portata di mano nella dispensa. I medievali poi ne facevano un uso smodato, anche perché la spezia aveva un colore bellissimo: quello dell’oro.

A proposito, avete mai sentito quella fandonia per cui i medievali avrebbero fatto largo uso di spezie perché così non sentivano il puzzo della carne andata a male?  Si tratta in realtà di un’enorme sciocchezza, perché i medievali, così come noi, non mangiavano affatto carne marcia, salvo se non vi erano costretti da qualche carestia, pestilenza, o invasione del nemico (tutte cose ahimè molto frequenti in quel periodo). Inoltre le spezie erano costosissime e potevano permettersele solo i ricchi, che figuratevi se non mangiavano carne freschissima, che tra l’altro costava infinitamente  meno delle spezie!

Ritorniamo al nostro amico signor Zafferano. È molto presente nella cucina mediterranea soprattutto nei piatti salati.

In Svezia invece lo utilizzano anche per i dolci e preparano tantissime prelibatezze profumate con questa spezia. Anche gli svedesi adorano il colore del nostro amico zafferano, che ricorda loro qualcosa di ancora più prezioso dell’oro: il sole!

Ecco perché  lo zafferano è il protagonista indiscusso dei Lussekatter, che si preparano nella notte più lunga dell’anno,  Santa Lucia!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Comments

  1. buonissimi….mai fatti ma urge rimediare….

  2. Sono davvero belli e molto particolari con lo zafferano. Grazie per le notizie su questa spezia che io adoro. A presto!

  3. le trovo meravigliose!!!
    Complimenti..noi oggi per festeggiare S Lucia pasta e ceci!!!
    Un bacio

  4. @ Babi
    ciao Babi, sai che lo zafferano sta benissimo anche in versione dolce? Queste brioscine hanno un aroma davvero molto particolare… :)!

  5. Bau!
    Che ricetta curiosa, mami e papi dovrebbero assolutamente provarla!!
    Brave, siete sempre originalissime!
    Una leccatina

    Mirty

Trackbacks

  1. […] I Lussekatter di Santa Lucia […]

Speak Your Mind

*