Insalata colorata, adolescenti in cucina


By Carlotta

Piatto unico, veloce, buono e tanto colorato. I miei figli sanno che colore nel piatto significa ricetta sana e genuina.

Quest’insalata, preparata dal mio ado (…ha fatto tutto da solo…!) ha colore, proteine della carne e il gusto della salsa dato dalla mostarda.

Leggete e provate…

Ingredienti, per quattro persone:

  • 200 g di zucchine
  • una mela a pezzetti
  • 3 fettine di petto di tacchino
  • 300 g di pomodorini
  • 300 g di rucola
  • 2 C di mostarda all’ancienne
  • Olio q.b. e sale

Preparazione: grigliate le zucchine e poi tagliatele a pezzetti. Grigliate la carne e fatela raffreddare. In una bella insalatiera mettete i pomodorini, le zucchine, la carne e la mela: il tutto tagliato a listarelle con delle forbici da cucina, come ha fatto il mio ado! Aggiungete la rucola. Ora in un mixer o anche in una ciotola con una forchetta fate il vostro condimento con mostarda in grani (quella che generalmente si chiama all’ancienne) olio e sale. Mischiate fino ad avere una crema morbida e vellutata. Questo sarà il vostro dressing!

Versatelo sopra e gustate la vostra insalata colorata con una bella fetta di pane!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Comments

  1. Ottima direi…ormai la cucina, l’arte di colorare è nel DNA….Bravissimo Federico e Complimenti davvero….io non ci sarei riuscito a preparare questo piatto così colorato…..

  2. carlotta says:

    ciao! Sono una bambina e vedo sempre il vostro blog. Ho anche il vostro libro e mi é piaciuto di più il pupo con l’uovo. Mia madre l’ha fatto ed era squisito! E’ proprio buonissimissimo!

  3. Carlotta says:

    @ Mario: e allora provaci e fammi sapere!

  4. Bravo Federico ottimi abbinamenti… La proporrò a Filippo…

  5. Daniela says:

    @ Carlottina
    Grazie della visita, siamo felici di avere dei piccoli fan come te!

  6. Carlotta says:

    @ Simona: sono sicura che Filippo apprezzerà la bontà dell’insalata creata da Federico, grazie!

Trackbacks

  1. […] Insalata colorata, adolescenti in cucina […]

Speak Your Mind

*