Procida: cosa fare con i bambini

By Carlotta

La mia amatissima isola!

Quella che ha mantenuto le sue caratteristiche, turistica al punto giusto, piccola, pittoresca, gustosa, accattivante, blu e verde, marina, religiosa, genuina….antica!!

L’isola dei procidani, del Postino di Troisi, l’isola piu’ piccola delle isole partenopee, isola di chi ama il vero mare e di chi ama la vela…

Cosa fare e dove andare?…leggete un po’…

1)   Una passeggiata a Terra Murata. Antica cittadella medievale arroccata su un costone in tufo (meraviglioso tufo delle isole napoletane!) a 90 m di altezza dal mare. Fu il primo nucleo abitativo dell’isola. Vista mozzafiato sul blu del mare e sulla Corricella!

2)  Corricella…fa rima con …”ma quanto è bella”!!  La marina più antica di Procida, un piccolo presepe a mare. Il luogo di Massimo Troisi con il suo Postino!

Unica nel suo genere: case arroccate, diversamente colorate, archi-balconi (vefi)-scale-gradinate…camminare e non sentire i rumori delle strade (vietate le auto…ma poi non c’è lo spazio!), guardare i pescatori che filano le reti. Mare e vita semplice: questa è la Corricella con i suoi ristoranti di pesce…solo pesce! Un luogo incantato e anche sicuro per i bambini.

3)  Marina di Chiaiolella: la spiaggia di Ciraccio e Ciracciello accolgono gli amanti della spiaggia. Al lato occidentale dell’isola, vanta un caratteristico piccolo porticciolo, che altro non è se non un antico cratere spento! Da questo luogo si ammira l’isolotto di Vivara, riserva naturale.

4)  Assaggiare il dolce tipico procidano: la lingua di bue. Una delicata pasta sfoglia spalmata di miele farcita con crema pasticcera.

5)  I sapori della tradizione procidana: coniglio alla Procida, insalata di limoni (spesso arrivano anche a 4 etti ognuno!), e la frittura con il pescato del giorno…

Meraviglioso è il piatto del “Pesce Fijuto”: una semplice fresella bagnata con un sughetto con aglio soffritto in EVO, peperoncino, prezzemolo, il tutto allungato con un mestolo di acqua di mare….senza pesce…è fuggito (fijuto!!).

6)  Se avete la fortuna di farvi una passeggiata in barca…potrete anche pranzare a bordo…ma senza cucinare! Si sa i bambini hanno sempre il languorino…della fame atavica! Come si fa se non siete attrazzati con abbastanza cibo? Ma,… con il barchino di Marefritti (800-910290): una vera e propria cucina galleggiante!!….i camerieri dotati di gommoncino vi portano il menu, voi ordinate e…dopo un po’ avrete il pranzo a bordo!!….creatività culinaria tutta napoletana…sapete che profumo: tra mare e frittura di mare…

Cosa aspettate?…correte a Procida!! Voi starete benissimo e i bambini ancora meglio…

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Comments

  1. Simona says:

    che voglia che mi fai venire….

  2. Daniela says:

    @ Simona:…sapessi la mia!! Grazie per la visita!

  3. ….non conosco Procida ma ci andrei subito grazie ai vs consigli…..idee e capacita’ di farci immaginare di essere proprio li’

  4. Carlotta says:

    Carissima Cri…grazie per i complimenti!…Procida vale proprio la pena, sopratutto ora che fa piu’ caldo!

  5. Che emozione vedere queste immagini. Procida è la ” mia ” isola 😀 .
    Ci sono nata e ci ho vissuto la mia infanzia, adesso la ritrovo solo d’estate ma la sento sempre parte della mia vita. Grazie per averne parlato così piacevolmente.

  6. Carlotta says:

    Cara Angela…avrei voluto dire e trasmettere tanto di piu’…!Anche io ho tanti ricordi di quando ero bimba…:mare, giochi nel verde procidano sotto tanti limoni enormi, tanto pesce…e sopratutto la famiglia!! Un forte abbraccio a te!

  7. William says:

    Ciao CARLOTTA, sono William dei iMarefritti, volevo ringraziarti per avere inserito la nostra attività nella tua pagina html ora faccio un collegamento sulla nostra pagina Face Book
    “i marefritti” se verrai in barca hai una frittura in sospeso :) ciao
    William

Trackbacks

  1. […] Procida: cosa fare con i bambini […]

  2. […] sempre con se l’aria del Vesuvio e la salsedine del mare di Napoli come porta nel cuore Procida e a alla nostra isola ha dedicato un post che vogliamo […]

Speak Your Mind

*