Galaktobureko

By Daniela

Dolce greco di semolino al latte

Gli sportivoni di casa mia non fanno altro che parlare di Olimpiadi, che ovviamente mi fanno pensare alla Grecia, che a sua volta mi fa pensare al galaktobureko, buonissimo dolce che mangio nelle mie colazioni vacanziere greche. Sono andata e ripescarne la ricetta su un libro di cucina greca comprato tempo fa. Il galaktobureko è in assoluto il mio dolce greco preferito. Mi piace la consistenza, il colore e soprattutto il nome che mi ricorda certe caramelline al latte che mangiavo da piccola. Non l’avevo mai preparato in casa per la mia famiglia e mi sono messa all’opera certa che non avrei modificato in nulla la ricetta originale, che personalmente trovo perfetta. Ma poi, quando ho visto che oltre ai 300 grammi di zucchero della crema bisognava aggiungerne altri 700 (!!!) per lo sciroppo, quasi svenivo. Ho anche capito perché ogni volta che andiamo in vacanza in Grecia ingrasso 3 chili. E quindi non c’è l’ho fatta e ho sperimentato una variante sicuramente non dietetica, ma se non altro più leggera. Inoltre ho sostituito la pasta phyllo con la pasta sfoglia. Non so quale delle due è più dietetica, ma certo è che se avessi utilizzato la phyllo avrei dovuto aggiungere altri 250 g di burro (!!!)  Comunque in questo modo la preparazione del dolce è molto più veloce e il risultato è quasi buono quanto quello originale (che però ripeto ha ben 700 grammi di zucchero e 250 grammi di burro in più!). Certe volte è meglio non conoscerle le ricette dei dolci mangiati in vacanza, non vi sembra?

Ingredienti per uno stampo di 23 cm di diametro:

  • 120 g di semolino,
  • 300 g di zucchero,
  • 4 uova,
  • 1 litro di latte,
  • la scorza grattugiata di un’arancia,
  • 2 confezioni di pasta sfoglia biologica

Sbattete bene le uova con lo zucchero e poi aggiungete il semolino e poco alla volta il latte. Mettete sul fuoco, unite la scorza d’arancia e continuate a mescolare fino a quando la crema sarà rappresa.

Se a casa avete il Bimby frullate insieme lo zucchero e la scorza d’arancia 10 secondi, velocità 7. Poi aggiungete le uova, il semolino e il latte  e cuocete 12 minuti, 100 gradi, velocità 3.

Versate la crema in una grande ciotola e lasciate raffreddare.

In una teglia foderata con carta forno (potete anche usare la carta della pasta sfoglia) mettete un cerchio di pasta sfoglia in modo da ricoprire anche i bordi, poi versate la crema tiepida e coprite con l’altro cerchio di pasta sfoglia. Saldate bene i bordi e cuocete in forno caldo a 220° per circa 20 minuti. Lasciate raffreddare nella teglia e poi sformate e spolverizzate con lo zucchero a velo.

Da gustare in famiglia mentre guardate le Olimpiadi!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Comments

  1. Serena says:

    Oddio, la ricetta originale sarà ingrassantissima! Meglio questa!

  2. Daniela says:

    @ Serena
    Penso proprio di sì! I 700 grammi di zucchero aggiuntivi mi hanno fatto paura!

Trackbacks

  1. […] Galaktobureko […]

Speak Your Mind

*