Pasta ai sapori dell’isola del cappero

By Daniela

Da poco ho finito di leggere un bel libro sulla musica ambientato a Salina, l’isola del cappero del romanzo. Leggendolo sembra di sentire Benedetta suonare il suo violino, avvolta dalla brezza marina e dai profumi di quest’isola magica. Profumi che provengono anche dall’orto di casa, dove le mani sapienti di nonna Celeste raccolgono le erbe aromatiche che serviranno per preparare la cena della pensione a conduzione familiare. Basilico, pomodorini, melanzane e soprattutto capperi, che nascono e crescono spontanei e in abbondanza a Salina e nelle isole Eolie, sono i protagonisti di questa tradizionale ricetta isolana, da gustare sotto l’ombrellone dopo aver letto il romanzo insieme ai vostri adolescenti.  I ragazzi e i bambini l’apprezzeranno moltissimo, specialmente se la servirete in queste belle pentoline. La porzione per ogni pentolina è 30 grammi di pasta; va bene per bambini piccoli e per mamme a dieta per il bikini.

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 g caserecce,
  • olio extravergine d’oliva Dante,
  •  2 spicchi d’aglio,
  • 1 cucchiaino di pasta d’acciughe (o meglio 2 acciughe sott’olio, tagliate a pezzi piccoli piccoli),
  • 20 pomodorini tagliati a metà,
  • 2-3 cucchiai di capperi (dipende dal vostro gusto),
  • 2 melanzane,
  • 8 cucchiai di pangrattato;
  • una scatola da 125 g di tonno sott’olio artigianale,
  •  basilico,
  •  sale e pepe.

Procedimento:
Mettete i capperi a bagno in una tazza d’acqua per almeno un’ora, poi scolateli e strizzateli velocemente. Per altre opzioni sulla dissalatura veloce dei capperi visitate la cuochina sopraffina. In una padella soffriggete gli spicchi d’aglio tritati e poi aggiungete la pasta d’acciughe, i pomodorini tagliati a metà e i capperi e cuocete per qualche minuto.  Lavate e tagliate le melanzane a cubetti, cospargetele di sale e mettetele in uno scolapasta a perdere l’amaro per mezz’ora. Poi asciugatele, conditele con 2 cucchiai d’olio e cuocetele in forno molto caldo. In una padella mettete il pangrattato con 2-3 cucchiai d’olio e fatelo dorare. Tagliuzzate il basilico, lasciando qualche foglia da parte per la decorazione.  Eliminate l’eccesso di olio dal tonno e mettetelo in una ciotola. Cuocete la pasta al dente, scolatela e poi versatela in un bel piatto da portata, conditela con il sugo, il tonno, le melanzane e il basilico e mescolate bene per amalgamare. Infine spolverizzate con il pangrattato e decorate con qualche foglia di basico. Oppure servitela in pentoline monoporzione.

Lettura consigliata:

La musica nel tempo dei fiori di cappero, Lina M. Ugolini, editore Rueballu

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Comments

  1. Delizioso buon appetito a tutti in pentoline magiche. Forchettine melodiose e fiori di basilico profumato.
    grazie
    lilli

Speak Your Mind

*