Lucca comics, adolescenti e cosplayers

Istruzioni per l’uso per godersi pienamente il salone più giocoso e creativo d’Italia!!

personaggi-bonelli

By Daniela

Una vacanza che fa felice tutta la famiglia: genitori,  perché Lucca è una incantevole cittadina medievale racchiusa tra le sue mura scampate alla seconda guerra mondiale e figli di ogni età, attratti dal padiglione Lego o dalla possibilità di partecipare ai giochi di società o a quelli di ruolo o ancora (e la lista non è esaustiva) incontrare i loro fumettisti  e scrittori preferiti.

Lucca

E’ stata la passione per i fumetti di uno dei figli a trascinarci tutti a Lucca per questa fiera.

Qualcuno mi aveva detto che oltre a comprare fumetti e conoscere disegnatori e scrittori, si poteva incontrare gente travestita, ma nulla mi aveva preparato ai tipi di maschere che avrei incontrato, chiamate con un nome che non avevo mai sentito prima: cosplayer. Si tratta di costumi perfetti in ogni dettaglio e ricchissimi di accessori, la cui preparazione può richiedere mesi e mesi, in cui i cosplayer si preparano alla sua realizzazione guardando e riguardando sullo schermo il personaggio scelto, che può essere di un film, un cartone animati o un gioco. Inoltre un vero cosplayer, si cala a tutti gli effetti nei panni del personaggio scelto e per una giornata lo diventa davvero. Il nome cosplayer infatti deriva dalle parole costume e player.  Spesso gli eventi a cui partecipano i cosplayer si concludono con una sfilata e una comparizione sul palcoscenico in cui cosplayer, che amano formare tutta gruppi tematici, posano insieme , recitano una scenetta, cantano o ballano.

costumi

foto

Tutte queste cose le so perché incuriosita com’ero ho letto un libro scritto da una famosa cosplayer italiana, Alessia Mainardi, in arte Ryuki, che grazie questa passione è riuscita a lottare contro una terribile malattia genetica: l’atassia di Friedreich.

Il ricavato del libro “Alessia in Cosplayland” sarà devoluto a favore della ricerca su questa e altre malattie genetiche.

Due esperienze da non perdere!

biciclette

Il giro delle mura in bicicletta; ce la fate tranquillamente in mezz’ora. Le biciclette le trovate nei negozi vicino a porta Santa Maria.

E un gelato composto da voi da Gelatarium, in via Vittorio Veneto 36!

gelateria

gelateria2

Qualche consiglio pratico

Lucca comics è tosta e vi consiglio di prepararvi bene per potervela godere al meglio. Tenete presente che non si svolge in un padiglione, ma è spalmata all’interno delle mura medievali, con pro e contro logistici.

Sistemazione. La fiera si svolge in novembre e se volete trovare posti economici (sempre relativamente visto che i prezzi degli alloggi raddoppiano per l’evento) vi conviene prenotare entro il marzo precedente. Se invece optate per stare fuori città, dove i prezzi sono molto più bassi e le sistemazioni più ampie e comode, vi consiglio di andare alla fattoria Colle Sala  a Chiatri sulle colline lucchesi a circa 15 minuti dal centro. Siamo stati benissimo in cinque in  una casetta arredata di tutto punto e  completa di cucina . I proprietari, Sara e David, sono gentilissimi e vi vengono incontro in mille modi; in fattoria potete anche comprare vino e olio di produzione propria. Vicino c’è una locanda dei vecchi tempi (per vecchi  intendo gli anni Sessanta), da Mariano,  in cui potrete mangiare piatti tipici (menu fisso) a prezzi bassi. Ottimo per chi possiede figli adolescenti famelici  e non vuole accendere un mutuo per ogni pasti al ristorante.

I pasti dentro Lucca li abbiamo trovati onesti e convenienti. Tutti gli esercenti quest’anno si erano messi d’accordo per un pasto pizza o panino e bibita serviti al tavolo al prezzo di 5 EURO, tutto incluso.

hunger-games

Biglietti

Consigliamo vivamente di farli da casa se non volete aspettare file interminabili che fanno impallidire quelle dei parchi a tema . Se fate il biglietto online dovrete comunque presentarvi ogni giorno al botteghino per ricevere il braccialetto del giorno, ma la fila è praticamente inesistente. Inoltre in questo modo non avrete problemi se qualche incauto componente della famiglia (ogni riferimento è puramente casuale) perde il biglietto.

Programma

Qui devo segnalare un punto dolente. Il programma come ci ha spiegato il gentilissimo direttore del festival viene stampato il giorno prima ed è disponibile soltanto il giorno dell’apertura del salone. Quindi vi consigliamo di studiarlo bene da casa e se non avete connessione internet alla fiera di farvi qualche stampa prima di venire, altrimenti rischiate di perdere gli eventi che vi interessano.

Altri consigli

Se potete scegliete di andare alla fiera nei giorni non festivi, perché il sabato e la domenica la città viene presa d’assalto da folle di visitatori tali che si pensa la città possa scoppiare da un momento all’altro e le strette viuzze medievali mal si prestano a far circolare quest’orda di visitatori. Pin caso di folla spostatevi passando dalle mura, dove la strada è più larga. Se state tutti e 4 i giorni visitate padiglioni e mostre nei giorni feriali; per gli incontri invece, anche se gettonati e affollati come per Zero calcare o Licia Troisi, si trova posto abbastanza agevolmente, ma bisogna presentarsi almeno mezz’ora prima.

vetrine

Ricadute positive!!

L’incontro con scrittori, fumettisti e creatori in genere è estremamente positivo per tutti ma specialmente per i giovani, che dopo un’esposizione prolungata a creatività, passione e fantasia ne risultano piacevolmente contagiati e rischiano di uscire dalla mostra carichi di libri, voglia di leggerli e entusiasmo per mettersi a scrivere/disegnare/creare videogiochi immediatamente

dylan-dog

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Speak Your Mind

*